Polonia: importanti cambiamenti nelle regole fiscali e contabili– Standard Audit File (SAT)

Polonia: importanti cambiamenti nelle regole fiscali e contabili– Standard Audit File (SAT)

Standard Audit File

Il 20 maggio del 2016 il Senato ha approvato la legge che introduce l’obbligo per le imprese che operano in Polonia di implementare un nuovo sistema di controllo denominato SAF-T, Standard Audit File for Tax, in  polacco JPK, Jednolity Plik Kontrolny.

 

Nello specifico tale sistema prevede l’obbligo di presentare i registri fiscali e contabili, su richiesta delle autorità fiscali, in un formato elettronico standardizzato approvato dal Ministero delle Finanze.

 

Prevede altresì l’obbligo di inviare alle autorità fiscali con cadenza mensile (entro il 25 del mese successivo) un file contenente i registri IVA nello stesso formato elettronico.

 

Tre sono le scadenze da rispettare a seconda della dimensione dell’azienda: l’obbligo per le grandi imprese scatterà a partire dal 1 luglio 2016, per le piccole – medie imprese dal 1 gennaio 2017 ed infine per le microimprese a partire dal 1 gennaio 2018.

 

Secondo la disciplina polacca:

> per grandi imprese si intendono quelle che in almeno uno degli ultimi due esercizi sociali hanno soddisfatto entrambi i seguenti requisiti:

  • hanno avuto in media almeno 250 dipendenti all’anno;
  • hanno realizzato un fatturato annuale netto superiore a 50 milioni di euro o un totale dell’attivo superiore a 43 milioni di euro;

 

> per medie imprese si intendono quelle che negli ultimi due esercizi sociali hanno soddisfatto entrambi i seguenti requisiti:

  • hanno avuto in media almeno 50 dipendenti all’anno;
  • hanno realizzato un fatturato annuale netto superiore a 10 milioni di euro

 

> per piccole imprese si intendono quelle che negli ultimi due esercizi sociali hanno soddisfatto entrambi i seguenti requisiti:v

  • hanno avuto in media almeno 10 dipendenti all’anno;
  • hanno realizzato un fatturato annuale netto superiore a 2 milioni di euro

 

> per micro imprese si intendono tutte le altre.

 

L’obbligo riguarda anche le imprese estere registrate in Polonia solo ai fini IVA e quelle che operano in Polonia tramite una branch. In questo caso, per la verifica dei requisiti dimensionali, è necessario fare riferimento all’attività svolta dall’impresa nel suo complesso e non solo a quella svolta in Polonia.

 

Anche se molti dubbi sull’applicazione della nuova legge permangono, le imprese devono adoperarsi il prima possibile per implementare il nuovo sistema. IC&Partners Warsaw, che ha adeguato i programmi informatici ai nuovi standard, è in grado di fornire le informazioni e il supporto operativo a tutte le aziende che intendono esternalizzare la gestione della nuova incombenza.