FONDI EUROPEI: LE OPPORTUNITA’ IN POLONIA

FONDI EUROPEI: LE OPPORTUNITA’ IN POLONIA

IC&Partners.Polonia.bordo

La Polonia rappresenta un interessante mercato di sbocco per le imprese italiane. Situata nel cuore dell’Europa, si colloca in una posizione strategica che le consente di essere al centro degli scambi commerciali europei sulle direttrici tra Est e Ovest e tra Nord e Sud. Dall’inizio della crisi è l’unico Paese a non essere entrato in recessione, ma anzi ad aver registrato un boom economico nel 2011 che ha visto una crescita del PIL del +4,3%. Grazie alla costante crescita degli ultimi anni, le prospettive rimangono favorevoli e la Polonia rimane tra i Paesi con le migliori potenzialità nel medio-termine.

 

Dal 2004 è parte della Comunità Europea ed è il principale Paese-beneficiario dei fondi UE destinati alla Politica di Coesione economica e sociale, finalizzata a promuovere uno sviluppo equilibrato, armonioso e sostenibile. L’Unione Europea ha recentemente destinato ingenti fondi alla Polonia, pari a 82,5 miliardi di Euro per il periodo 2014-2020. Di tale somma 76,8 miliardi di Euro sono gestiti in loco:

  • Euro 31,2 miliardi destinati a finanziare 16 Programmi Operativi Regionali;
  • Euro 45,6 miliardi a finanziare 6 Programmi Operativi Nazionali, di cui
  • Euro 27,4 miliardi in Infrastrutture e Ambiente;
  • Euro 8,6 miliardi allo Sviluppo Intelligente;
  • Euro 4,7 miliardi a Sapienza, Educazione, Sviluppo;
  • Euro 2,2 miliardi Polonia Digitale;
  • Euro 2,0 miliardi Polonia Orientale.

 

Questi finanziamenti avranno l’effetto di accelerare ulteriormente lo sviluppo economico del Paese e al contempo sono una grande opportunità per gli investitori esteri.

 

Per quel che riguarda l’internazionalizzazione d’impresa, IC&Partners Warsaw si sta attualmente occupando della Polonia orientale, si propone di dare supporto informativo e sostegno alle idee progettuali dei suoi clienti ovvero di svilupparne insieme; si impegna  inoltre nella ricerca di partner per l’attuazione del progetto e nella compilazione dei formulari on line.

 

Nell’ambito del Programma Operativo Polonia Orientale (POPW) e del Programma Operativo Regionale Polonia Orientale – Voivodato di Łódź (RPOWŁ) possono presentare domanda micro, piccole o medie imprese che hanno attività economiche nelle regioni della Polonia orientale e che rientrano nelle specializzazioni regionali.

 

L’attività si divide in due fasi:

  • Fase I – prevede la preparazione di un nuovo modello di business di internazionalizzazione per il quale sono previsti 50 mila PLN di finanziamento per il POPW e 25 mila PLN per il RPOWŁ;
  • Fase II – comprende la preparazione alla realizzazione del nuovo modello di business di internazionalizzazione sviluppato nella fase I, che prevede 500 mila PLN pari all’80% delle spese ammissibili per il POPW e 100 mila PLN pari al 50% delle spese ammissibili per il RPOWŁ. I progetti che verranno valutati positivamente e approvati nella Fase I, potranno presentare domanda di finanziamento nell’ambito della Fase II.

 

Le scadenze per presentare domanda per la I fase sono: ottobre-novembre con date da definire nell’ambito del POPW e IV trimestre 2016 (ottobre-novembre-dicembre) nell’ambito del RPOWŁ.

 

A partire da giugno 2016 inoltre sarà possibile presentare domanda per il Programma Operativo Polonia Orientale Start Up, il quale si rivolge a:

– imprese che non sono state quotata in borsa nei 5 anni successivi l’iscrizione al registro delle     imprese

– non hanno fatto distribuzione degli utili

– non sono frutto di una fusione

– sono società di capitali

In questo caso la Fase I prevede un importo minimo di finanziamento pari a 50 mila PLN, invece la Fase II 800 mila PLN pari all’85% delle spese ammissibili.